Retrospettiva 2014 della casa editrice Rediviva e del CCIR

 

L’attività culturale del CCIR (Centro Culturale Italo-Romeno di Milano), insieme alla casa editrice Rediviva, mira a sostenere e conservare l’identità romena, promuovere la cultura romena in Italia e gli scambi tra le due Nazioni. Alcuni  dei Salone del libro  Torino nostri progetti hanno preso vita anni fa: la partecipazione della Romania al premio Internazionale di Poesia 2010, le Giornate Mondiali  della Poesia, seconda edizione 2013, la presenza della casa editrice Rediviva al Salone Internazionale del  Libro di Torino, i corsi di  lingua romena  per italiani  (dal 2010), l’organizzazione di incontri formativi per studenti italiani e romeni presso la Biblioteca romena, diverse conferenze svolte sul territorio  lombardo per iniziativa di fondazioni o istituti  italiani. Progetti che sono stati promossi e ampliati con successo negli anni. Le nostre attività sono il risultato di un lavoro di squadra di un piccolo gruppo di volontari romeni e italiani.

Un sentito ringraziamento va a tutti loro per il continuo e disinteressato spirito di collaborazione e il genuino impegno che offrono per promuovere l’immagine culturale della Romania in Italia. 

 

LINK GALLERIE FOTO:

 https://plus.google.com/photos/113295415111355762440/albums/6063431263095986465 

 

19 gennaio 2014. La Giornata Nazionale della Cultura Romena. Le più belle poesie firmate dal sommo poeta nazionale, Mihai Eminescu, recitate in romeno e italiano, la presentazione del secondo volume delle Impronte culturali romene nella Penisola, elaborato dal Centro Culturale Italo-Romeno di Milano, hanno segnato la serata letteraria organizzata il 19 gennaio 2014 dal Consolato Generale di Romania nel capoluogo lombardo; serata dedicata alla Giornata della Cultura Nazionale e al 164esimo anniversario della nascita del sommo poeta nazionale romeno. Durante l’incontro, il poeta Viorel Boldiş ha presentato il suo volume di poesie Il mugnaio degli dei. Poesie dall’estero, ed. Rediviva. Sono intervenuti il Console Generale di Romania a Milano, George Bologan, la scrittrice Ingrid Beatrice Coman, direttrice della casa editrice Rediviva, la direttrice del Centro Culturale Italo-Romeno, Violeta Popescu, il poeta Viorel Boldiş, l’attore e regista Vlad Scolari, Irina Turcanu, Florentina Niţă, Claudia Bolboceanu, Mariana Paliev, accanto ad altri ospiti. Gradevolissima la presenza di un gruppo di studenti del Liceo bilingue “Dante Alighieri” di Bucarest, che ha partecipato a uno stage presso la casa editrice Rediviva. Al Consolato Generale di Milano, i romeni hanno celebrato la Giornata della propria cultura accanto a un gruppo numeroso di italiani giunti a scoprire e conoscere meglio le nostre tradizioni. L’omaggio al poeta Mihai Eminescu, tradotto in italiano già dai primi del Novecento, rappresenta una delle iniziative di diplomazia culturale promosse dal Consolato Generale di Romania a Milano, nella cui area di competenza rientrano alcune delle regioni del nord d’Italia, regioni in cui vivono circa 240.000 romeni.

 

12-25 gennaio 2014. Tirocinio formativo per un gruppo di studenti romeni del liceo “Dante Alighieri” di Bucarest presso Rediviva. Dal 12 al 25 gennaio 2014 un gruppo di studenti del liceo “Dante Alighieri” di Bucarest ha partecipato a un tirocinio formativo presso Rediviva Edizioni a Milano. Conoscenza umanistica, organizzazione, redazione, editing; (CUORE) è il titolo del progetto europeo Leonardo da Vinci IVT (Initial Vocational Training), nell’ambito del Programma Lifelong Learning, Leonardo da Vinci-Mobility, in cui sono coinvolti 20 allievi del Liceo Teoretico “Dante Alighieri” di Bucarest. Il gruppo di studenti, accompagnato da due professori, è stato impegnato nel periodo 12-25 gennaio 2014 in un tirocinio di formazione vocazionale presso la casa editrice Rediviva Edizioni attiva nell’ambito del Centro Culturale Italo-Romeno. Con questo progetto, il Liceo “Dante Alighieri” si propone di formare 20 studenti nel settore della redazione editoriale bilingue. I partecipanti (tra i 15 e i 17 anni) sono allievi di classi bilingui o classi in cui l’italiano è lingua madre. Al di là delle attività giornaliere previste dal progetto, il programma includeva visite ai vari musei di Milano, contatti con la comunità romena della Lombardia, durante una visita informale presso il Consolato Generale della Romania a Milano, la partecipazione a un laboratorio di poesia interculturale organizzato da Centro Giovani e Poesia presso la Biblioteca di Triuggio, e diversi appuntamenti con professori, giornalisti e scrittori romeni e italiani. Coordinatori: prof. Carmen Duță e Daniela Suciu (Liceo “Dante Alighieri”, Bucarest); Violeta Popescu (Rediviva edizioni).

 

 31 gennaio 2014. Centro Culturale Italo-Romeno alla Terza Giornata Interculturale all’Università Bicocca. Oltre mille persone hanno partecipato alla Terza Giornata Interculturale con il titolo “Muoversi verso. Luoghi delle città, dialoghi interculturali”, venerdì 31 gennaio 2014, presso la sede del prestigioso Ateneo milanese in Piazza dell’Ateneo Nuovo 1 a Milano – argomento proposto dall’Università degli Studi Bicocca di Milano alla terza edizione della Giornata Interculturale –, organizzata dal Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione “Riccardo Massa”, in partnership con “United Nation Alliance for Civilization, The Intercultural Innovation Award” e “BMW Group Italia”.  Alla giornata  hanno partecipato docenti universitari, intellettuali, operatori di strutture territoriali, giornalisti, esponenti delle comunità straniere che vivono in Lombardia. L’iniziativa è stata coordinata dalla prof. Mariangela Giusti, professore associato del Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione “Riccardo Massa” dell’Università degli Studi di Milano Bicocca, riconosciuta da UNAOC (United Nation Alliance for Civilization). Tra le varie altre realtà culturali della Regione Lombardia è stato invitato anche il Centro Culturale Italo-Romeno. Durante l’orario di apertura, 9.00-19.00, il C.C.I.R. ha presentato al pubblico i depliant e il materiale informativo e sono stati distribuiti opuscoli di promozione turistica della Romania, libri, riviste, proiettati  film e video – evento  patrocinato dal Consolato Generale della Romania a Milano. La partecipazione del C.C.I.R all’evento è stata coordinata da: Violeta Popescu, Daniela Nenciulescu, prof. Valentina Negriţescu, Catalina Munteanu, Alina Nastase, Giada Bossi, Alexandru Barsan, Mariana Paliev. All’incontro con gli studenti romeni durante l’evento era presente il dott. George Bologan – Console Generale della Romania a Milano.

 

24 febbraio 2014. Desio (MB) – Conferenza sulla Romania. Il Centro di Ascolto di Desio (Caritas Ambrosiana) ha organizzato il 24 febbraio, presso la parrocchia, una conferenza dedicata alla Romania e alle sue tradizioni. Per il Centro Culturale Italo-Romeno è stata invitata la dott.ssa Violeta Popescu.

 

15 marzo 2014. Mostra fotografica: MARAMURES. Dove il tempo si è fermato – fotografie di Mario Negri e Donatella Penati. La mostra è stata promossa  dalla Provincia di Milano/Assessorato Cultura La Casa delle culture del mondo; è organizzata in collaborazione con il Centro Culturale Italo-Romeno di Milano e gode del Patrocinio del Consolato Generale della Romania a Milano. Inaugurazione: Casa delle Culture del Mondo, Via Giulio Natta 11, Milano. All’inaugurazione sono intervenuti: il dott. George Gabriel Bologan, Console Generale della Romania a Milano, Mario Negri, Donatella Penati e la dott.ssa Violeta Popescu.

 

20 marzo 2014. Incontro con la poesia, musica e pittura in occasione della Giornata Mondiale della Poesia. Una grande affluenza di pubblico è stata registrata giovedì 20 marzo 2014 presso la  Biblioteca Romena all’incontro organizzato dal Centro Culturale Italo-Romeno di Milano con la collaborazione dell’Istituto Culturale Romeno di Bucarest e la casa editrice Rediviva Edizioni, in occasione della Giornata Mondiale della Poesia. “La Giornata Mondiale della Poesia ed eventi simili servono per aumentare la credibilità della poesia, per incoraggiare un altro tipo di linguaggio, più degno, della persona umana”, ha sottolineato il dott. George Bologan, Console Generale della Romania a Milano nel suo intervento. L’ospite d’onore della serata è stata la professoressa Ida Garzonio che, con il suo interesse nell’approfondire le conoscenze sulla lingua e cultura romena, a contatto diretto con la realtà, ha cominciato durante gli studi universitari e continuato poi con il suo impegno nella traduzione di opere della letteratura romena. Ida Garzonio rappresenta un contributo e un esempio di grande valore in tema di scambi interculturali tra i nostri paesi. Durante la serata è intervenuta Alina Nastasa che ha accompagnato il suo discorso con le foto della Romania degli anni ’60, quando la prof.ssa Ida Garzonio ha visitato il Paese. “Mi addolorava – ha dichiarato la prof.ssa Garzonio –  constatare che non ci si ricordasse dei romeni come di un popolo fratello, che aveva difeso l’identità propria contro gli slavi, l’identità dell’Europa contro l’ondata turca, che aveva guardato, scarsamente ricambiato, all’Occidente come al proprio simile e che aveva ancora in sé la grande ricchezza di quella cultura pastorale contadina che mostrava le nostre comuni radici”.  Altri interventi: la scrittrice Irina Turcanu, Svetlana Filat, Claudia Bolboceanu, Violeta Popescu.  Per l’occasione è stata inaugurata la mostra personale di pittura “Pro Tempore” dell’artista romena Lavinia Rotocol. Invitata nella seconda parte del programma, la cantante romena Claudia Serdan ha animato la serata con un recital (voce e chitarra). Accompagnata da Massimo Fusaro (batteria e percussioni) e Liviu Nechita (voce e chitarra), Claudia Serdan ha proposto brani della musica folk romena come anche canzoni italiani.

 

25 marzo 2014. Inaugurazione della mostra personale di scultura dell’artista Daniela Nenciulescu alla Galleria Spaziotemporaneo di Milano. Fino al 26 aprile, la Galleria Spaziotemporaneo di Milano ha invitato il pubblico alla mostra personale di scultura intitolata “Così puri, così corrotti”, firmata dall’artista romena Daniela Nenciulescu, che vive in Italia dal 1968. La mostra, curata da Anna Comino, è stata promossa dalla Sezione Cultura del Comune di Pavia, sotto il patrocinio del Consolato Generale di Romania a Milano e del Centro Culturale Italo-Romeno del capoluogo lombardo, con la collaborazione della Fondazione Culturale “Memoria” di Bucarest. Il progetto riprende gli ultimi due anni di ricerca dell’artista e sviluppa in nuove forme il tema degli angeli. Gli elementi scultorei da singoli diventano parte di un gruppo: esili figure ricavate da profondi tagli praticati in cilindri d’acciaio e aperte allo spazio che si succedono serrate alternando verniciature a fuoco in nero e giallo.

 

3 maggio 2014. Appuntamento con la Musica e la Fotografia presso la Biblioteca romena.  Il Centro Culturale Italo-Romeno di Milano e l’Associazione Donne Romene in Italia (A.D.R.I.) hanno organizzato sabato 3 maggio 2014, presso la Biblioteca romena in Via Trebbia 33, Milano, un evento artistico: appuntamento con la Musica e la Fotografia.  Ospite della serata il musicista  GHEORGHE IOVU, soprannominato il “dottore dell’anima”, è un pioniere della musicoterapia – il primo compositore di questo genere in Romania. Nel corso dell’incontro, il pubblico ha avuto l’occasione di visitare all’interno della Biblioteca la MOSTRA FOTOGRAFICA: “Maramures. Dove il tempo si è fermato”, fotografie di Mario NEGRI e Donatella PENATI, che aveva visto la sua prima inaugurazione  presso la  casa delle Culture del Mondo (15 marzo – 6 aprile 2014), dove aveva riscontrato un grande successo di pubblico. La serata ha avuto il patrocinio del Consolato Generale della Romania a Milano.

 

8-12 maggio 2014. Rediviva Edizioni di Milano presente con sei volumi al Salone Internazionale del Libro di Torino. Per il sesto anno consecutivo, l’Istituto Culturale Romeno di Bucarest, tramite il Centro Nazionale del Libro e l’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, ha organizzato la partecipazione della Romania alla più importante manifestazione di questo genere in Italia – il Salone Internazionale del Libro di Torino – con uno stand nazionale e una serie di manifestazioni dal tema: “Segnali positivi: La Romania al Salone del Libro 2014”. In questo quadro di prestigio, per il secondo anno consecutivo, la nostra casa editrice Rediviva di Milano ha avuto l’onore e la gioia di essere presente presso lo Stand della Romania con sei libri freschi di stampa. Sono intervenuti durante il Salone per la casa editrice Rediviva: Irina Turcanu, Ingrid B. Coman, Bujor Nedelcovici, il prof. Bruno Mazzoni, Mauro Barindi, Claudia Bolboceanu, Maria Floarea Pop, Lorena Curiman, Violeta Popescu, Antonio Buozzi, ecc.

 

29 maggio 2014. Teatro  “Luceafărul”  di Iaşi a Milano con lo spettacolo  La capra e i tre capretti  di Ion Creangă. Giovedì 29 maggio, nello spazio della Biblioteca Romena (presso CTP Teatrali), con il sostegno del Istituto Culturale Romeno di Bucarest e il Patrocinio del Consolato Generale della Romania a Milano, il pubblico romeno e italiano è stato invitato allo spettacolo teatrale La capra e i tre capretti di Ion Creangă. Lo spettacolo è stato messo in scena dal gruppo di attori del teatro stabile “Luceafărul” di Iaşi, Romania. Si tratta di una versione rivisitata della nota fiaba Capra cu trei iezi di Ion Creangă. Il teatro stabile “LUCEAFĂRUL” di Iaşi riesce ogni anno a mettere in scena 5-6 spettacoli, avendo all’attivo un repertorio di più di 30 rappresentazioni.

 

4-8 giugno 2014. La Romania presente al Festival della Letteratura – terza edizione. Salone della Piccola Editoria.  FOTO LINK CARTI TORINO

Rediviva Edizioni ha partecipato per la terza volta al Festival della letteratura di Milano, come parte del Salone della Piccola Editoria, che si è svolto  dal 6 all’8 giugno 2014, patrocinato dal Comune di Milano e da Expo Milano. La conferenza stampa di apertura si è svolta venerdì 30 maggio 2014 presso la Sala del Grechetto, biblioteca Sormani, con Milton Fernández, direttore artistico del festival, Stefano Parise, direttore settore biblioteche del Comune di Milano, e la partecipazione di Filippo Del Corno, assessore alla cultura del Comune di Milano. Il Salone ha aperto i suoi battenti il 6 giugno alle 17.30 in centro, a Milano (Ex-Fornace, Naviglio Pavese). La terza edizione del festival ha riunito quest’anno quasi 150 eventi. In programma come novità il Salone della Piccola Editoria con la presenza di vari espositori dalla Lombardia. L’appuntamento con la casa editrice romena Rediviva si è svolto mercoledì 4 giugno 2014. Una serata a cura di Rossella PRETTO e moderata da Massimo FIORENTINI, con la partecipazione straordinaria dell’attrice Milena HIRSCH. Per la casa editrice Rediviva sono intervenuti: Irina TURCANU, Violeta POPESCU, Mariana PALIEV, Florentina NIŢĂ. La scrittrice Lyana GALIS ha presentato il suo ultimo romanzo: Ballando sulle ceneri ardenti, 2014. Lo stand della casa editrice è stato allestito durante il salone nello spazio Ex-Fornace, Naviglio Pavese. Sono stati presentati i libri appena usciti: Io scelgo (a cura di Irina Turcanu), La mattina di un miracolo di Bujor Nedelcovici (traduzione di Ingrid B. Coman), Tra oblio e memoria di Micaela Ghiţescu (traduzione di Ingrid B. Coman), I principi della Corte-Antica di Mateiu I. Caragiale (traduzione di Mauro Barindi), Impronte culturali romene in Italia (2014). All’evento è stata allestita la mostra personale di pittura “Pro Tempore” dell’artista romena Lavinia ROTOCOL. La presenza della casa editrice REDIVIVA alla manifestazione ha avuto il patrocinio del Consolato Generale della Romania a Milano.

 

1° giugno 2014. La Villa Canonica di Triuggio ha ospitato il 1° giugno 2014 la cerimonia dell’assegnazione dei premi della XXIII edizione del Concorso Internazionale “Giovani e Poesia”. Anche questa volta i partecipanti romeni hanno dominato la classifica, come precisa il Centro Culturale Italo-Romeno in un comunicato. Alla sua direttrice Violeta Popescu è stato conferito il Diploma di riconoscimento dei meriti per l’avvicinamento culturale tra la Romania e l’Italia. Alessandro Villa, Presidente della Fondazione “Giovani e Poesia”, che collabora da anni con il Centro Culturale Italo-Romeno di Milano, ha sottolineato l’affinità culturale, fatto dimostrato dal grande interesse dei giovani della Romania e della Moldova per questa iniziativa. Il Consolato Generale di Romania di  Milano è stato rappresentato dal Console George Milosan, il quale ha espresso apprezzamenti per questo concorso di portata internazionale, che crea connessioni tra i giovani da tutte le parti del mondo e un legame che promuove l’amicizia tra i vari Paesi. Premi e diplomi concessi ai giovani della Romania e della Moldova:

  • Doina Postolachi (Moldova) – la Medaglia d’argento della Camera dei deputati di Roma
  • Diana Moraru (Romania) – Il Premio “In memoria di Bruna Baroni – miglior testo dedicato alla mamma”
  • Ioana Miruna Rus (Romania) – Il Premio “In memoria di Ettore Villa – miglior giovane autore”
  • Ramona Elena Bortoc e Diana Antonia Stefanescu (Romania) – Il Premio “Giovani Voci”
  • Mihaela Butuc (Moldova) – Il Premio “Poesia dei Popoli”
  • Mariana Kabbout (Romania) – Il Premio “Poesia dei Popoli”
  • Doina Postolachi (Moldova) – Il Diploma Speciale “Poesia e Vita”
  • La Scuola Ginnasiale “Miron Costin” di Suceava (Romania) – Il Premio  “Unitel Valle del Lambro”.

Il concorso è organizzato dal Centro “Giovani e Poesia” di Triuggio, con il patrocinio del Comune della città, della Regione Lombardia, della Provincia di Monza e Brianza e di altri enti. Istituito nel 1991, il Premio Internazionale di Poesia ha attirato negli anni una notevole presenza di giovani dall’Italia e da altri Paesi europei.  Dal 2010 il Centro Culturale Italo-Romeno è diventato partner del progetto nei rapporti con le scuole della Romania e della Moldova. Le scuole partecipanti dalla Romania alla presente edizione provengono da: Bucureşti, Baia Mare, Teiuş, Drăgăşani, Aiud, Braşov, ecc.

 

Il portale CulturaRomena.it  è diventato un punto di riferimento culturale romeno in Italia, grazie alla collaborazione di un gruppo di intellettuali romeni e italiani (la docente Rodica Mixich, Claudia Bolboceanu, Lorena Curiman, Florentina Niţă, Davide Arrigoni, ecc.). Dal 2008 fino ad oggi il portale CulturaRomena.it ha raggiunto quasi cinque milioni di visite e oltre 1000 iscritti alla newsletter mensile.

 

Un grazie affettuoso anche agli organi di stampa romeni e italiani che promuovono con professionalità le nostre attività:  “Ziarul de Duminica” – Stelian Ţurlea (“Ziarul Financiar”), Iuliana Anghel (redazione italiana: www.rri.ro), Radio Romania Actualităţi (Elena Postelnicu), Radio Romania International, rivista “Memoria”, Redazione www.rgnpress.ro, “Observatorul Cultural”, rivista bilingue “Orizzonti culturali italo-romeni” (Afrodita Cionchin), “Gazeta românească”, “Actualitatea magazin”, www.romeninitalia.com, “La Repubblica” (edizione Milano), ALL TV canale televisivo italiano (Antonio Buozzi), “Rivista Per i Diritti Umani – Milano”, “Il Giornale-Triuggio”, rivista “Popoli”, “Città Nuova”, ecc.

 

Catalogo dei libri pubblicati nel 2014 

1. AAVV, Impronte culturali romene in Italia, collana “Annuario”; 110 p. L’Annuario del C.C.I.R raccoglie le firme di: docente Rodica Mixich, Florentina Niţă, Claudia Bolboceanu, Maria Floarea Pop, docente Codrina Sandru, Giada Bossi, Iuliana Anghel, Lorena Curiman, Davide Arrigoni, Ingrid Beatrice Coman, Violeta Popescu, Viorel Boldiş, Mauro Barindi, Irina Turcanu, Dario Fertilio: scrittori, poeti, docenti, giornalisti, romeni e italiani che da anni collaborano con il centro culturale. Il volume racconta l’esperienza dell’emigrazione e include poesie, interviste a personaggi letterari, traduzione di diverse opere, esperienze di vita comune, riflessioni sull’integrazione e brani tratti da romanzi; un modo per conoscere meglio i protagonisti del Centro Culturale.

2.  Violeta Popescu (a cura di), Le catacombe della Romania. Testimonianze dalle carceri comuniste 1945-1964, collana “Memorie”; 220 p. Il libro che apre la collana “Memorie” Le catacombe della Romania. Testimonianze dalle carceri comuniste 1945-1964, 220 pagine, vuole rendere omaggio alla memoria di tutti i romeni che hanno sofferto in nome della libertà, della dignità e della fede durante il regime comunista.

3. Micaela Ghiţescu, Tra oblio e memoria, traduzione di Ingrid Beatrice Coman, collana “Memorie”; 300 p. Un libro di memorie intenso e commovente, che trascende la storia personale e diventa la storia di un popolo intero. Scritto da una professionista della traduzione – Micaela Ghiţescu –, il libro è più del racconto di una letterata, è quasi un manuale di storia.

4. Mateiu I. Caragiale, I principi della Corte-Antica, traduzione di Mauro Barindi, collana “Quaderni Romeni”; 184 p. Per la prima volta viene presentato al lettore italiano un romanzo di notevole spessore come I principi della Corte-Antica, il capolavoro di Mateiu I. Caragiale, libro-culto della letteratura romena, con un’operazione culturale che colma una pesante lacuna e un silenzio che durava da troppo tempo.

5. Bujor Nedelcovici, La mattina di un miracolo, traduzione di Ingrid Beatrice Coman, collana “Quaderni Romeni”; 279 p. «Questo romanzo scritto da Bujor Nedelcovici, ambientato in un paese “non meglio identificato”, probabilmente la Romania, porta il lettore sulle tracce di una donna, Maria, alla ricerca della verità, festival letteratura Milanoattraverso le rovine di un passato devastato». “Le Monde”, 23 febbraio 1993.

6. Irina Turcanu (a cura di), Io scelgo, collana “Rosa dei venti”; 132 p. Io Scelgo è un volume corale, scritto da autrici italiane e romene, sul tema della violenza sulle donne. Le storie racchiuse nell’antologia non hanno solo l’obiettivo di far discutere su un argomento così delicato come la violenza subita dalle donne, ma vogliono anche offrire soluzioni. Infatti, le protagoniste reagiscono, in modo effettivo, pratico: scelgono.

7. Keltoum Staali, La mimosa di dicembre, traduzione di Karim Metref, collana “Afrika”; 82 p. Questo libro è scritto in un linguaggio spesso più poetico che narrativo. Keltoum Staali è una docente di scrittura creativa e gioca molto con le parole e con i modi di dire. Giochi, questi, spesso difficili da trasmettere da una lingua all’altra.

 

Testo a cura di Claudia BOLBOCEANU, Violeta POPESCU